Home | Territorio | Divertimenti | Manifestazioni | Prodotti Tipici | Foto | Contatti   

   
       
   

| Hotel | Residence | Villaggi | Camping | Agriturismo | Bed&Breakfast | Stabilimenti Balneari | Autonoleggio |

   
   

 | Discoteche | Pub | Pizzerie | Ristoranti | Rosticcerie | Bar | Enoteche |

   
             
     

| La Storia | I Templi | Il Museo | Le Chiese | La Natura | Le Spiagge | Itinerari Turistici | Il Comune |

     
             
             
             
     





LA STORIA
Capaccio è uno dei comuni più importanti della provincia di Salerno, per estensione, risorse agricole, turismo, attività commerciali. La sua particolare posizione geografica, le permette di dominare la piana dei templi di Paestum, offrendo un'ottima vista panoramica di tutto il golfo di Salerno(anche definito anticamente Posidoniate o Sinus Paestanus). Nella zona denominata Capaccio Vecchia alcuni secoli fa venne costituito il centro abitato; qui è possibile trovare ancora alcuni resti delle civiltà antiche. Secondo alcune ipotesi la nascita di questo insediamento e dovuta alla migrazione degli abitanti della piana del sele che si ritirarono sul monte calpazio per proteggersi dalle invasione saracene, e dalla malaria (880 DC).

     
     

Altre ipotesi invece documentano l'esistenza di un insediamento già nel 794 DC, in quanto il luogo allora conosciuto come Capaque, era citato in alcuni documenti ufficiali dell'epoca. Le ipotesi più attendibili invece attestano l'emigrazione degli abitanti di Paestum, in cerca di un luogo più sicuro e che offrisse loro una vita migliore. I Pestani quindi si stabilirono in un sito già esistente, ma di poca importanza fino ad allora. Anche se di superfice nettamente minore a quella di Paestum, questo luogo offriva un buon riparo dalle invasioni saracene, in quanto, situato sul monte Calpazio, e non visibile dalla pianura. La città venne fortificata con delle mura, concentrate sopprattutto a sud-ovest della città, e in parte ancora conservate. Torri e mura erano installate anche a nord e ad est ma di minore importanza in quanto la posizione geografica non permetteva un facile accesso alla città. Il problema dell'acqua venne risolto con la costruzione di cisterne di mattoni, le quali consentivano la raccolta dell'acqua piovana e la graduale diffusione.Le cisterne (di costruzione romana) sono in parte ancora visibili. Per quanto riguarda l'etimologia del termine Capaccio, si deve la sua origine a Caput Aquae, in quanto Capaccio era il capo dell'acquedotto che portava l'acqua a Paestum.

     
     


Lo stemma del comune di Capaccio lo troviamo scolpito in pietra in più luoghi del centro storico. Il più antico, della prima metà del 600, è collocato sul portone d'ingresso al chiostro del Convento Francescano, che agli inizi del secolo fu anche Sede Municipale. Il gonfalone fu smarrito per cui, poichè un'insegna araldica ha senso solo se si aggancia al passato, è stato necessario ricercarne il modello in antichi monumenti. L'allusività delle figure, è sicura, ma il loro significato è incerto, così le torri, specialmente se collocate su un monte, indicano dominio e, poichè Capaccio era una contea, possono alludere ai tre centri abitati su cui il dominio del conte si estendeva:

     
     

- Capaccio Vecchio - Torre centrale e Maggiore
- Attuale Capaccio
- Albanella
La luna così rappresentata si chiamava Montante, (la luna che cresce), accompagnata da una stella che in araldica è quasi sempre Venere (la stella d'Italia).
Esse alludono a quel periodo dell'anno in cui, nelle prime fasi lunari, tramontano quasi insieme e annunziano la primavera, il che non è costituito da una cinta con cinque torri. Secondo vaghi ricordiera di colore rosso, con il campo azzurro e le figure dorate.

 

     
     
STATISTICHE
INDICATORE UNITA' DI MISURA COMUNE
Superficie Kmq 111,6
Popolazione residente 20.187
Famiglie 7.025
Abitazioni occupate 6.161
Densità demografica AB/Kmq 181
Saldo movimento naturale Per 1000 abitanti 5,4
Saldo movimento migratorio Per 1000 abitanti 5,1
Abbonati televisione 3.970
Abbonati telefono 5.449
Autovetture circolanti 7.978
Frazioni:

Paestum, Borgo Nuovo, Capaccio Scalo, Cafasso, Chiorbo, Foce Sele,Gaiarda, Gromola, Laura, Licinella, Linora, Ponte Barizzo, Rettifilo-Vannulo, Spinazzo, S. Venere, Tempa di Lepre,Torre di Mare, Tempa San Paolo, Vuccolo Maiorano

Comuni Conitgui:

Agropoli, Albanella, Cicerale, Eboli, Giungano, Roccadaspide, Trentinara

C.A.P.:

84047 (Capoluogo), 84040 (Capaccio Scalo), 84050 (Laura -Gromola), 84063 ( Paestum), 84060 (Ponte Barizzo)

Pref. Tel: 0828
Codice ISTAT: 065025
Nome abitanti: Capaccesi
Santo Patrono: San Vito - 15 Giugno
Sindaco Eletto: Pasquale Marino dal 28 Maggio 2007
     
     

     
             
     

| La Storia | I Templi | Il Museo | Le Chiese | La Natura | Le Spiagge | Itinerari Turistici | Il Comune |

     
         
   

| Hotel | Residence | Villaggi | Camping | Agriturismo | Bed&Breakfast | Stabilimenti Balneari | Autonoleggio |

   
   

 | Discoteche | Pub | Pizzerie | Ristoranti | Rosticcerie | Bar | Enoteche |

   

Powered by Hotel Solution - P.Iva: 04452130653
Privacy